Teatro 15-18 anni

Fiducia in sé. Stimolazione della creatività. Autogestione delle proprie emozioni.
Attraverso il corso e l’improvvisazione, gli allievi hanno l'opportunità di coltivare una situazione, di mettere in gioco emozioni e sensazioni più o meno complesse. Hanno modo di amplificare la loro gamma di emozioni mentre sviluppano la loro autonomia come interpreti, rendendo il loro lavoro scenico e il personaggio stesso, sincero e credibile.
Il teatro può rappresentare uno spazio di LIBERTÀ, e così lo intendiamo, un ambiente in cui tornare a respirare sia in senso stretto, che in senso figurato, con la possibilità di alleviare eventuali tensioni dovute all'impegno scolastico e alla vita quotidiana.

Saper ascoltare, guardarsi negli occhi, stare insieme, affermare la propria personalità. Queste sono alcuni valori che si potranno riscoprire durante un viaggio così speciale.
Speciale, perché il teatro ha in sé il seme della consapevolezza, della ricerca di se stessi, della scoperta di nuovi mondi e luoghi e noi, frequentandolo, abbiamo l'opportunità di far germogliare quel seme.

Durante il corso lavoreremo sulla nostra realtà emotiva e sulla creazione di nuovi scenari.

Non mancherà una parte più tecnica in cui giocheremo con l’arte dell’auto-filmarsi, della creazione di video e contenuti interrattivi, adatti, anche, alla nuova generazione di Tik Toker’s! ;P

> Prima di tutto la timidezza non è da combattare, non è un nemico, è una risorsa, uno strumento, qualcosa che ci appartiene e che dobbiamo imparare ad amare. Per avvicinarci a noi. Amarci per come siamo è il primo passo per andare dove vogliamo e crescere. È un'azione importante per consolidare la nostra autostima. Poi, sì, il teatro può essere complice in questo percorso e processo di evoluzione.
> È vero. Come il vento, non serve, basta l'aria per sopravvivere, ma quando guardiamo un film e il vento accarezza i capelli dei protagonisti, oppure quando corriamo giù da una discesa con la bicicletta, o ancora quando siamo davanti al mare e sentiamo il vento sul volto, sono quelli i momenti in cui ci sentiamo vivi.
Si può sopravvivere senza vento, ma non si può vivere. E così è il teatro o l'arte in genere. Può essere che non ci sentiamo artisti, può essere che ci sembra di fare tutto fuorché arte, ma l'arte abita questo mondo, ne siamo intrisi (ultimamente con qualche difficoltà in più forse...) e ci basta chiudere gli occhi per tornare ad avvertire l'arte, il vento, la vita.
Fuori dalla poesia, il teatro può offrire anche quel terreno base, sempre più importante che oggi viene chiamato soft skill e che sarà sempre più importante in futuro. La capacita di connettersi con le proprie emozioni, riconoscere chi abbiamo davanti senza giudizio, provare empatia, cambiare punto di vista e così via.
> No... la recitazione non è un insieme di trucchi, ma un processo creativo. Avrai l'opportunità di riconoscere le tue emozioni e la tua emotività, di allenarti sulle circostanze date da una scena e ad essere consapevole del momento. Da qui a piangere il passo è breve, ma piangere non è un fine. Un attore che vuole piangere, difficilmente piange. Il pianto ci accade, non facciamo accadere.
> Gli anglosassoni direbbero tricky question... Dovremmo prima definire "successo e comprendere qual è la vera domanda, dietro questa domanda.
Ma una cosa la possiamo dire: se tu ti dai la tua definizione di successo e ogni giorno farai un passo in quella direzione, ci sono molte probabilità che tu diventi quella persona di successo. E se ciò non dovesse accadere, probabilmente è perché la vita ha in serbo per te qualcosa di più grande.
E cosa c'entra il teatro in tutto questo? Beh, dal teatro puoi apprendere che tutto è possibile, ovvero la magia dell'impossibile, che stando sempre nel mondo anglosassone potrei dire con le parole di Audrey Hepburn "Nothing is impossibile, the word itself says I'm possibile.". Che in italiano non suona altrettanto bene nel gioco di parole, ma il senso è questo "Niente è impossibile, la parola stessa dice che io sono possibile".
Teatro Adolescenti
15-18 anni

Mercoledì 15.30-17.30

Insegnante: Arianna Gioia

Insegnanti
Arianna Gioia

Insegnante di Teatro Bimbi e Adolescenti.